- J.M.Fangio















La Formula 1 nel Tempo.....



LOUIS ARMSTRONG ~ When You`re Smilin`~



Once upon a time in the west
André Rieu - Bésame Mucho



Link: Stagione 2016

Link: Stagione 2017




28 luglio 1935: 

Nuvolari re del Nurburgring

Vince il G.P. di Germania del 1935 e entra nella leggenda (3,7 Mb).


once upon

Prima della gara Nuvolari disse al d.s. Nello Ugolini:

"Trovami un tricolore meno sbiadito di quello dell'organizzazione che oggi vinco io"!

Gli organizzatori erano così sicuri che sarebbe stato un tedesco a vincere la gara che non avevano neanche una copia dell’inno
di Mameli da suonare al momento della consegna della corona d’alloro a Nuvolari.
 Fortunatamente Tazio ne portava sempre una copia con sè come portafortuna e le note dell’inno echeggiarono sugli spalti
 per il disappunto della gerarchia nazista lì riunita.

Era stato il trionfo delle virtù umane, di abilità e coraggio, sulla velocità e sulla potenza dei motor
e ed è ancora oggi considerata
la corsa più eccelsa della lunga ed illustre carriera di Nuvolari.
Era nata la prima leggenda del ‘Ring.

Fratelli d italia - ( Inno di Mameli ) - lyrics Fratelli d'Italia  (Inno di Mameli)

Il “via”, al Nurburgring, viene dato con un modernissimo semaforo a tre luci.
Nelle prime fasi, con le Mercedes e le Auto Union in testa e con le due Alfa di Chiron e Brivio presto fuorigioco, Nuvolari galleggia in sesta posizione ma senza perdere il contatto dai primi.

Dal settimo giro il mantovano attacca, portandosi sorprendentemente in terza posizione. Alla nona tornata, infrangendo la barriera degli 11 minuti (giro più veloce in 10’57”) Tazio sorpassa la Mercedes di Caracciola portandosi incredibilmente in testa alla corsa tra lo stupore generale dei centomila spettatori, quasi un affronto per la superiorità tecnica germanica.
All’approssimarsi della metà gara, i box si riempiono di meccanici pronti all’imminente rientro delle monoposto per il rifornimento e cambio-gomme.
All’undicesimo giro, in un uragano di applausi, le quattro vetture di testa capeggiate da Nuvolari si fermano contemporaneamente ai box. Mentre Von Brauchitsch riparte per primo, seguito da Rosemeyer e infine da Caracciola, al box Alfa si consumano momenti drammatici: la pompa a pressione del rifornimento carburante si rompe, i meccanici devono versare lentamente la benzina tramite un bidone e un imbuto: Nuvolari scende dalla macchina, urla e gesticola forsennato ma impotente.
Ben quaranta secondi in più del necessario vengono persi nella disgraziata sosta, facendo ritornare il mantovano in sesta posizione.

La leggenda comincia in quel momento: in pochi giri, Nuvolari riconquista il secondo posto, ma leader della corsa rimane sempre Von Brauchitsch con la sua Mercedes W25.
I due, dopo la sosta, restano i soli a girare regolarmente sotto gli 11 minuti, tuttavia il distacco  si mantiene a lungo consistente (circa un minuto) a favore del tedesco.
Almeno fino al 17° giro. A partire dalla tornata successiva, la pressione di Nuvolari, seppure a distanza, comincia a sortire effetto: il distacco scende, inesorabile, sotto il minuto, anzi addirittura sotto i 50”, un margine comunque di tutta tranquillità per Von Brauchitsch e la sua potente Mercedes.

Ecco, proprio la grande potenza che la vettura tedesca sprigiona sull’asfalto porta alla luce l’unico vero tallone d’Achille:

durante le prove il responsabile della Continental, la casa fornitrice di pneumatici, aveva ben fatto presente a quelli della Mercedes che, mentre la guida vellutata di Caracciola avrebbe permesso un solo cambio gomme, lo stile nervoso di von Brauchitsch avrebbe probabilmente reso necessario un ulteriore prudenziale cambio per evitare problemi alla gomma posteriore sinistra.

I timori diventano realtà : nonostante il vantaggio, proprio quel pneumatico inizia a svelare una preoccupante fascia bianca, chiaro segno che il battistrada è ormai finito.

I timori diventano realtà : nonostante il vantaggio, proprio quel pneumatico inizia a svelare una preoccupante fascia bianca, chiaro segno che il battistrada è ormai finito.
E Nuvolari riduce ancora il distacco: al ventesimo giro, due alla fine, poco più di trenta secondi separano i due.
Dai box Mercedes il leggendario e corpulento ds, Alfred Neubauer, segnala a von Brauchitsch di rallentare, e questi di rimando  gesticola indicando le gomme posteriori.

Alla fine del 21° passaggio, l’irruento pilota tedesco ha solo due possibilità: fermarsi ai box per un cambio di pneumatici, con solo 35” di vantaggio che però non gli permettono alcuna certezza di mantenere la testa della corsa, oppure continuare con le gomme sulle tele.
Sceglie la seconda possibilità, ignorando i meccanici che al box sono già allertati per una sosta improvvisa.

Tuttavia, su un circuito dove per compiere un giro si impiegano circa 11 minuti, l’impossibilità di conoscere i distacchi in tempo reale induce Von Brauchitsch a continuare a spingere. E a pochi chilometri dal traguardo, nei pressi della curva del Karussell, la famigerata gomma posteriore sinistra della Mercedes esplode!

Il pilota mantiene la macchina in pista, ma passano pochi secondi e l’Alfa di Nuvolari “asfalta” l’argentea vettura azzoppata.
Ai box, intanto, nessuno sospetta o sa nulla di quanto accade in questi momenti.
Quando sbuca  una macchina rossa tutti pensano a un doppiato, ed è il celebre giornalista della Gazzetta dello Sport, Giovanni Canestrini, a gridare per primo “Ma è Nuvolari, è Nuvolari!”.
Il caporale nazista Huehnlein sbianca, e nasconde frettolosamente in tasca il foglio del discorso, che aveva preparato per celebrare la vittoria di un pilota e di una macchina di casa.

I centomila tifosi tedeschi restano per un po’ ammutoliti, ma subito dopo esplodono in un fragoroso applauso mentre la bandiera italiana viene issata sul pennone e Nuvolari riceve il trofeo intitolato al Führer,  quasi scomparendo nella gigantesca corona d’alloro fatta su misura per i “giganti” tedeschi, inspiegabilmente sconfitti da quel diavolo d’un italiano a bordo di una vettura – l’Alfa Romeo P3 – ormai alla fine dei suoi giorni ma ancora capace di cogliere quella che  resta nella storia come la “vittoria impossibile” !



 Nel 1950 parte ufficialmente la Formula 1 moderna


 Ghirlande, Bande musicali e tutta la pompa di una Cerimonia di Stato, i Reali britannici si divertirono assistendo alla grande prova
dell’Alfa Romeo di Giuseppe Farina, che vinse davanti a Luigi Fagioli e a Reg Parnell.



Vita, Corse e Amori
I Cavalieri del Rischio
 
(così venivano definiti  i piloti degli anni '50)
Le donne dei piloti erano parte integrante del mondo delle corse,
un’era in cui i piloti vivevano appieno la vita e se la giocavano ad ogni curva.


GP Belgio 1955

Pole: Castellotti  - Fangio -  Moss